• Wrestling Revolution Facebook
  • Wrestling Revolution Twitter
You are here: Home Eventi Voti Pay Per View WWE PPV Coverage PPV COVERAGE - WWE HELL IN A CELL 2014
WrestlingRevolution.it

PPV COVERAGE - WWE HELL IN A CELL 2014

WWE INTERCONTINENTAL CHAMPIONSHIP - 2 out of 3 Falls Match
Dolph Ziggler © vs Cesaro

Paolo: Sul fatto che sia stato un grande match non si può dir nulla. Dalla fase iniziale di mat wrestling agli spot come il Superplex di Cesaro all’intensità avvertita durante tutto il corso dell’incontro, questi due sono tra i migliori al mondo. Non sono d’accordo, invece, con il modo in cui è stato gestito il match. Dare una vittoria pulita, per 2-0, a Ziggler servirà sicuramente a consolidare la posizione dell’Intercontinental Champion, ma sembra un trattamento decisamente ingeneroso per lo Swiss Superman, il quale ha avuto sì una vetrina importante per mettersi in mostra, ma alla fine è stato sconfitto nettamente. Per due volte.
Voto: 7.5

Fil: Estasiato da questo match dal punto di vista del lottato, questi due hanno tirato fuori una performance che da certi punti di vista è anche superiore ai due Hell in a Cell Match che si sono svolti dopo; unico neo in questo bellissimo scenario è il risultato, nella storia dei 2 out of 3 falls spesso si è arrivati al classico pareggio per vedere chi si aggiudicava l'ultimo punto, ma in questo caso abbiamo assistito al vero e proprio seppellimento di Cesaro, almeno per quanto riguarda la contesa; un Cesaro che ha fatto grandi cose in questo match ed è stato premiato con una sconfitta netta e a mio avviso in giusta. Per me meritava di vincere, o almeno di mettere a segno un punto, dato che ha sfornato manovre decisamente "letali" e Ziggler ha fatto il John Cena della situazione. Nonostante tutto questa contesa merita un voto più che positivo.
Voto: 8

 

"Loser must become the winner's personal assistant for 30 days"
Nikki Bella vs. Brie Bella

Paolo: JBL! JBL! JBL! Il pubblico di Dallas aveva già deciso dopo venti secondi di match che le lottatrici non meritavano la loro attenzione; salvo poi ricredersi parzialmente con l’andare dell’incontro. Le due Bellas, per dirla tutta, sono senz’altro migliorate sul ring, ed infatti lo scontro non è stato così brutto come lo sarebbe stato, per esempio, due anni fa. Ci sono ancora diversi problemi, comunque, sia per quanto riguarda il lottato che per l’abilità recitativa delle ragazze. Va bene tutto, ma Nikki che urla “What is it gonna take?” dopo che la sorella è uscita dal pin post-Rack Attack mi ha fatto ridere parecchio. Ad ogni buon conto, considerando quello che mi aspettavo e ciò che invece le due sorelle hanno tirato fuori, una sufficienza tirata il match la strappa.
Voto: 6

Fil: Spenderò poche parole su questo match perché come sapete la loro rivalità mi fa accapponare la pelle; tutto sommato hanno tirato fuori qualcosa di buono, ma non abbastanza da attirare l'interesse dei fan (gran bei cori per JBL) e tanto meno il mio. Dite pure che sono di parte ma sono coerente, io a queste due galline la sufficienza non la do.
Voto: 5.5

 

WWE TAG TEAM CHAMPIONSHIP
Gold & Stardust © vs The Usos

Paolo: Buon match, è andato esattamente come mi aspettavo. Ho particolarmente apprezzato lo spot del doppio Superplex degli Usos, ma anche la chiusura dell’incontro, con Cody ad intromettersi permettendo a Goldust di eseguire la Final Cut. Un po’ scontato il risultato, ma è giusto che abbiano vinto i fratelli Rhodes. Hanno il titolo da poco tempo, mentre gli Usos hanno appena portato a termine un regno abbastanza lungo per i canoni odierni; non era il caso di restituire le cinture ai due samoani che, per giunta, non sono poi dei grandi intrattenitori per quanto riguarda l’extra-ring.
Voto: 7.

Fil: Sicuramente il match più scontato della serata, ma che ha saputo intrattenere come si deve; Gold & Stardust non sono niente male come team e meritano di mantenere i titoli, almeno più degli Usos. Non che i due samoani siano da buttare, ma semplicemente hanno già tenuto i titoli per un po' e ora... beh ora francamente non so dove andranno a parare, probabilmente saranno il classico Tag Team da opporre a tutti gli heel della federazione giusto per fargli fare qualcosa negli show televisivi, ma meglio questo che essere, che ne so, Zack Ryder.
Voto: 7

 

#1 CONTENDER (WWE WORLD HEAVYWEIGHT CHAMPIONSHIP) - Hell in a Cell Match
John Cena vs. Randy Orton


Paolo: Caspita, m’è piaciuto. Ho parlato tanto, prevalentemente male, di questo incontro. Non c’è stato uno straccio di costruzione, è la nona volta che Cena ed Orton si affrontano in Pay Per View ed il risultato, almeno per me, era alquanto scontato. Però i due hanno tirato fuori un ottimo match. Favoriti dalla stipulazione speciale, sono riusciti ad entusiasmare nel corso della contesa, tirando fuori spot degni di nota come la Attitude Adjustment ribaltata in RKO o la Double-A attraverso il tavolo con la quale Cena si è conquistato la #1 Contendership. Le pecche del match rimangono quelle già citate: un incontro in PPV, tra due main eventers del calibro di John Cena e Randy Orton, merita una rivalità decente alle spalle.
Voto: 7.5

Fil: Ragazzi, è successa una cosa davvero inaspettata, mi è piaciuto un match con protagonista Randy Orton! E mi è piaciuto proprio a causa di Randy Orton!!! Tolta questa premessa, sia John che Randy hanno messo in piedi un'ottimo match considerando che le motivazioni perché si scontrassero erano poche, è stata giusto messa la stipulazione #1 Contendership a rendere il tutto più sensato; per quanto mi riguarda non consideravo il risultato così scontato, mi ha infatti un po' deluso la vittoria di Cena, specialmente perché una volta tanto ho visto un Orton motivato e cazzuto; quando ho visto la AA ribaltata in RKO sono balzato dalla poltrona, fantastico! Questo match sotto molti punti vista è stato anche meglio del vero Main Event, purtroppo.
Voto: 8

 

WWE UNITED STATES CHAMPIONSHIP
Sheamus © vs The Miz


Paolo: Malgrado non sia stato ai livelli di Cesaro vs Ziggler (che è il termine di paragone principale in quanto l’importanza dei due incontri era la medesima), la contesa per il titolo degli Stati Uniti non mi ha affatto deluso. Il match è filato via abbastanza liscio, gestito bene e impreziosito dalla presenza a bordo ring di Damien Mizdow, che ha intrattenuto alla grande il pubblico di Dallas. Buona anche l’intromissione nel match della controfigura, che mi ha fatto credere per un attimo che Miz potesse riuscire a strappare la cintura all’irlandese. Ciò che mi fa storcere il naso è l’ennesima brutta sconfitta per The Miz: alla vigilia ho pronosticato che Sheamus mantenesse la cintura, ma non serviva certo che colpisse l’avversario con il Brogue Kick dopo il termine del match.
Voto: 6.5

Fil: Basta un nome per descrivere questo match: Damien Mizdow. È stato il vero protagonista del match, perché a dirla tutta la contesa tra Sheamus e Miz è stata gradevole, ma tutti e due, specialmente il Celtic Warrior, non è che facciano più impazzire le folle come un tempo, invece Damien ha reso il tutto più divertente e godibile diventando il vero fulcro della situazione, il che comunque fa capire parecchie cose su come sta andando con lo U.S Title; speravo in una vittoria di Mizanin più che altro per togliere il titolo al Great White ma così non è stato, comunque tra il buon lottato e le risate regalateci da Mizdow la sufficienza ci sta tutta.
Voto: 6.5

 

Big Show vs. Rusev

Paolo: Classico match di Rusev, basato sul canovaccio ormai visto più e più volte. Nessun momento emozionante, nemmeno la Chokeslam di Big Show dalla quale il bulgarusso™ è uscito. Non ho neanche capito più di tanto l’interferenza di Mark Henry: non ha favorito la vittoria di Big Show; non ha turnato heel attaccandolo… È sceso per la rampa sostanzialmente per prendersi un Superkick e nulla più.
Voto: 5.5

Fil: Show domina, Rusev si riprende e crusha, fine della storia. Probabilmente è stato il match più sofferto di Rusev ma questa gestione ha davvero stancato, io personalmente non sopporto più ne lui ne quella bambolina russa che si porta appresso. Copia/Incolla sui promo, sui match e sulle rivalità, speriamo che prima o poi arrivi una fine a questo scempio.
Voto: 5

 

WWE DIVAS CHAMPIONSHIP
AJ Lee © vs. Paige

Paolo: Match carino, combattuto bene dalle lottatrici e reso interessante da manovre che non si vedono spesso in un match femminile, come la Fallaway Slam di Paige o la sequenza finale, che ha visto la britannica scivolare giù dalla transenna. A dir la verità non ho ben compreso il finale con AJ che lascia che Paige venga contata fuori. Un personaggio come quello dell’attuale campionessa dovrebbe disdegnare le vittorie per count-out. Ad ogni modo, penso ci fossero modi migliori per separare Paige ed Alicia (a che pro metterle insieme in the first place, mi verrebbe da chiedere).
Voto: 6.5

Fil: Bel match, ben combattuto ma (ahimé) le due uniche vere lottatrici della WWE si stanno fronteggiando già da troppo tempo e questo rischia di rovinare la situzione; sarà per questo che si è già deciso di dividere Paige da Alicia facendole litigare, magari partirà un mini feud tra le due finte Crazy Chicks. L'amicizia tra le due outtanowhere era veramente insensata, come lo è stato il litigio tra le due in PPV, c'è solo da vedere cosa faranno fare adesso ad AJ dato che Paige ha avuto già la sua chance titolata.
Voto: 6

 

Hell in a Cell Match
Dean Ambrose vs. Seth Rollins

Paolo: Premesso che non si è trattato di un match di Wrestling, a me è piaciuto. Capisco perfettamente chi parla di un’occasione sprecata per mettere su una resa dei conti finale tra Seth Rollins e Dean Ambrose, con quest’ultimo che finalmente riesce a trionfare contro il traditore dello Shield. Non nego che anche vedere quello sarebbe stato bello, forse più bello, ma in questo caso devo scrivere di ciò che ho visto, non ciò che poteva essere. Cosa ho visto, quindi? Ho visto un inizio fantastico, con la lotta in cima alla gabbia che è stata una trovata originale ed il volo contro i tavoli di commento (sicuramente spot della serata e candidato a spot dell’anno) prima ancora dell’inizio del match. Ho visto poi una fase sul ring entusiasmante, con ritmi certamente bassi, come del resto ci si aspetterebbe dopo che i due atleti erano sul punto di lasciare l’arena in barella. Ho visto un Elbow Drop su un tavolo posizionato tra apron e gabbia, e pure una Powerbomb sul tavolo appoggiato alla gabbia. Ho visto, per ultimo, l’ologramma di Bray Wyatt e l’intromissione di quest’ultimo che ha consegnato la vittoria a Rollins. Ed è stato tutto dannatamente epico. Ora viene il difficile: cercare di spiegare l’intromissione di Wyatt e costruire un buon feud tra questi e Ambrose. Per quanto riguarda Hell in a Cell, che sia stato un enorme angle più che un match poco mi cale, c’è sempre tempo per un nuovo capitolo della faida Ambrose-Rollins; per ora appoggio la soluzione Wyatt.
Voto: 8.5

Fil: Nell'insieme, come ci si poteva aspettare, è stato il "match" della serata, ovviamente metto la parola match tra virgolette perché (come già detto da molti) è stato un grande (e gestito ottimamente) angle che vede Rollins e Ambrose devastarsi a vicenda, col Lunatic Fringe decisamente in vantaggio ma con Mr. Money in the Bank che porta a casa la vittoria per pura fortuna, anzi, per l'intromissione di Bray Wyatt proprio quando Dean era sul punto di chiudere la contesa. Non saprei ancora dire per quale motivo Bray se la possa prendere con Dean, apparentemente non ci sono motivazioni valide per far partire un feud tra i due ma staremo a vedere. Intanto, tornando al match, ho visto quello che volevo vedere da una parte, cioè Ambrose che si vendica per tutto quello che ha passato, e ciò che avrei evitato dall'altra, ovvero la vittoria di Rollins; non mi sta facendo impazzire la gestione di Seth, a volte appare un po' debole e troppo protetto, ma anche in questo caso staremo a vedere che succederà, intanto per un insieme di fattori già elencati direi che il voto più alto va a questo match.
Voto: 8.5

 

PPV

Paolo: Pay-per-view che ha rispettato, in alcuni casi andando anche oltre, le attese e che reputo più che discreto. Buoni match secondari, in particolare la sfida fra le due Bellas è stata meglio di quanto ci si attendesse, ottimo Cena vs Orton (ripeto, peccato davvero per la costruzione indegna), molto bello il Main Event. Da apprezzare, tra l’altro, la scelta di collocare Ambrose e Rollins nell’ultimo posto in card piuttosto che i “soliti” John Cena e Randy Orton. Cosa manca dunque a questo PPV? Beh, il campione. Con un solo match sotto la sufficienza è impossibile parlare di un brutto evento, ma la presenza di Brock Lesnar (non in quanto Lesnar ma in quanto WWE Champion) avrebbe contribuito ad aumentare il livello globale di Hell in a Cell. O forse avrebbe solo tolto spazio a Rollins e Ambrose, questione di punti di vista.
Voto: 7

Fil: Gran bel PPV, non c'è che dire! È stato macchiato dalla presenza delle Bellas e soprattutto di Rusev ok, ma il resto della card è stato davvero niente male! L'opener tra Ziggler e Cesaro è stato uno dei migliori match degli ultimi tempi in ambito di mid-card, mentre i due Hell in a Cell match, in modo diverso, sono stati davvero entusiasmanti. L'elemento più in vista di tutto il PPV è sicuramente la nascita del futuro feud tra Dean Ambrose e Bray Wyatt, tante cose dovranno essere chiarite a partire proprio dal perché dell'intromissione di Bray nel match tra Ambrose e Rollins, speriamo che in questo caso la WWE giochi bene le sue carte. Che altro dire? Ah già non c'è stato un match titolato, il "campione" non si è fatto vedere ma sapete che vi dico? L'evento è stato così godibile da non farmi rimpiangere la sua assenza, preferisco vedere Rollins, Ambrose o un Orton così ispirato piuttosto che una bestia boriosa che si fa pagare tanto per apparire poco.
Voto: 7.5


 

LE TELECRONACHE DI WR

Wrestling Italiano

WrestlingRevolution.it al commento degli show italiani, Rising Sun Wrestling Promotion e non solo!

Il team di WrestlingRevolution al commento dei più elettrizzanti show di wrestling italiano: segui con noi la Rising Sun Wrestling Promotion!

Elenco completo delle nostre telecronache >>

WR SOCIAL: SEGUICI!

WrestlingRevolution.it Facebook WrestlingRevolution.it Twitter

Top