• Wrestling Revolution Facebook
  • Wrestling Revolution Twitter
You are here: Home Speciali WR Awards Slammy Awards Wrestling Revolution Awards 2007
WrestlingRevolution.it

Wrestling Revolution Awards 2007

Anche quest'anno viene confermata un'abitudine cominciata brillantemente l'anno scorso, quella dei premi di fine anno, e, come avrete notato, quest'anno siamo diventati ancora più grandi e abbiamo incontrato sul percorso dei graditi e brillanti compagni di viaggio con cui fonderci e condividere la nostra avventura sul wrestling web. E se avete letto news che danno molti wrestlers in Italia per queste vacanze natalizie, è perchè è per loro avvenimento fondamentale ritirare personalmente i W4E Awards. Questo è un sito di wrestling, perciò vedrete nelle scelte dei premi uno spettro molto ampio (WWE, TNA, ROH, CZW) diviso nelle ormai consuete sedici categorie, che coprono tutto quanto sia stato "wrestling" quest'anno. Ma ora basta discorsi, diamo spazio ai voti grazie ai quali, ne siamo convinti, cambieranno le carriere e i palmares dei wrestlers vincenti, più di quanto, ne dubitate?, possano fare un titolo del mondo o un contratto a sei zeri.

WRESTLER DELL'ANNO: Christian Cage

Un anno dopo il “fratello maggiore”, è l’Instant Classic a fregiarsi del prestigioso titolo virtuale di wrestler dell’anno, legittimando così l’audace scelta di cambiare federazione. Ottimi match combattuti, e ottimi segmenti microfono in mano fanno pendere verso Christian la maggioranza dei voti dello staff. Battuto di una lunghezza Batista, al miglior anno in carriera, e raccolgono voti anche il sempre ottimo Cena, il neo campione ROH, McGuinness, e Chuck Taylor.

ANDREA CECCACCI: John Cena
ROB IN TOWN: Christian Cage
ALEXANDER MAGNO: Christian Cage
MASSIMO BRUSTIA: John Cena
EROS CARIA: Christian Cage
ALESSANDRO TAVECCHIO: Chuck Taylor
DIEGO FOGLIACCO: Batista
MATTEO BOLLINO: Nigel McGuinness
LEONARDO VITALE: Christian Cage
DAIN: Batista
GIBBO: John Cena

 
FACE DELL'ANNO: Batista

L’Animale ha mille vite e quando ormai tutti aspettavano solo di decantarne l’epitaffio, disputa un anno grandioso tra le ovazioni di un pubblico sempre più dalla sua parte, tanto da contrastare nel tifo una Leggenda quale Undertaker. Per il secondo anno consecutivo a essere battuto di un soffio nella categoria è Sting, mentre raccolgono voti anche i consolidati top face di diverse federazioni: Cena e Jeff Hardy per la WWE, McGuinness per la ROH, e Quackenbush per la Chikara.

ANDREA CECCACCI: Batista
ROB IN TOWN: Sting
ALEXANDER MAGNO: Batista
MASSIMO BRUSTIA: Sting
EROS CARIA: Sting
ALESSANDRO TAVECCHIO: Mike Quackenbush
DIEGO FOGLIACCO: Batista
MATTEO BOLLINO: Nigel McGuinness
LEONARDO VITALE: Jeff Hardy
DAIN: Batista
GIBBO: Batista

 
HEEL DELL'ANNO: Christian Cage

E come l’anno scorso, il premio di heel dell’anno va al wrestler dell’anno. Furbo, disposto a imbarcare nel suo team chiunque potesse aiutarlo a difendere il suo titolo, abile nel plagiare la gente col suono delle sue parole, e capace di catalizzare sulla sua persona ogni tipo di attenzione da parte del pubblico, Christian si attira odio con facilità. Raccolgono voti, in ordine sparso, anche il monster heel Khalì, il finalmente ad ottimi livelli Orton e uno dei migliori talenti delle indies, Chris Hero.

ANDREA CECCACCI: Randy Orton
ROB IN TOWN: Christian Cage
ALEXANDER MAGNO: Christian Cage
MASSIMO BRUSTIA: Christian Cage
EROS CARIA: Christian Cage
ALESSANDRO TAVECCHIO: Chris Hero
DIEGO FOGLIACCO: Edge
MATTEO BOLLINO: Kevin Steen
LEONARDO VITALE: Christian Cage
DAIN: The Great Khalì
GIBBO: The Great Khalì

 
MATCH ONE ON ONE DELL'ANNO: Batista-Undertaker (WM)

L’idea era semplice: il campione del mondo, e idolo del pubblico, contro un uomo mai battuto a Wrestlemania. World Title versus Winning streak. Così, in un match contornato da una incredibile atmosfera, i due lottatori mostrarono al mondo di saper interagire ottimamente tra di loro, meritandosi così il premio del nostro staff. Battuto di un’incollatura l’epico scontro tra Michaels e Cena, in quella che è rimasta l’unica sconfitta pulita quest’anno per il bostoniano.

ANDREA CECCACCI: Batista vs. The Undertaker (WrestleMania 23)
ROB IN TOWN: Shawn Michaels vs. John Cena (Raw, 23/04)
ALEXANDER MAGNO: Christian Cage vs. Samoa Joe (TNA Destination-X)
MASSIMO BRUSTIA: Batista vs. The Undertaker (Cyber Sunday)
EROS CARIA: Batista vs. The Undertaker (WrestleMania 23)
ALESSANDRO TAVECCHIO: Hero vs Kingston (CZW Out With The Old, In With The New)
DIEGO FOGLIACCO: Batista vs. The Undertaker (WrestleMania 23)
MATTEO BOLLINO: Nigel McGuinness vs. Bryan Danielson (Driven)
LEONARDO VITALE: Christian Cage vs. Samoa Joe (Bound For Glory)
DAIN: Shawn Michaels vs. John Cena (Raw, 23/04)
GIBBO: Shawn Michaels vs. John Cena (Raw, 23/04)

 
GIMMICK MATCH DELL'ANNO: Harris-Storm (Sacrifice)

Lo split di una delle migliori coppie degli ultimi anni, un incontro atteso per sei lunghi mesi, un incontro hardcore misto tra grandi bump e una storia raccontata per mosse del feud, leggasi la bottigliata finale. E proprio il conteggio di dieci è stato il leit motiv dell’anno, visto che subito sotto al vincitore troviamo due last men standing targati Stamford, tra cui un Umaga-Cena che ha davvero insidiato il primo posto. Citazione significativa anche per il ladder match tra i Briscoes e gli “Steenerico”.
 
ANDREA CECCACCI: Randy Orton vs. Triple H (Last Man Standing Match, No Mercy)
ROB IN TOWN: Chris Harris vs. James Storm (Texas Death Match, Sacrifice)
ALEXANDER MAGNO: Batista vs. The Undertaker (Last Man Standing Match, Backlash)
MASSIMO BRUSTIA: L.A.X vs. Triple X (Ultimate X Match, Bound For Glory)
EROS CARIA: Chris Harris vs. James Storm (Texas Death Match, Sacrifice)
ALESSANDRO TAVECCHIO: Briscoes vs. Steenerico (Ladder War)
DIEGO FOGLIACCO: Umaga vs. John Cena (Last Man Standing Match, Royal Rumble)
MATTEO BOLLINO: Kevin Steen & El Generico vs Briscoes (Ladder Match, Man Up)
LEONARDO VITALE: Chris Harris vs. James Storm (Texas Death Match, Sacrifice)
DAIN: Batista vs. The Undertaker (Backlash)
GIBBO: Umaga vs. John Cena (Last Man Standing Match, Royal Rumble)

 
FEUD DELL'ANNO: Batista-Undertaker/Abyss-Sting

Ed eccoci arrivati all’unico pareggio di questi awards: il nostro staff davvero si è trovato impossibilitato a decidere tra la Redenzione del mostro Abyss e la sfida tra Undertaker e Batista per stabilire la forza più dominante di Smackdown, tanto che a questi due feud durati mesi viene dato il premio in coabitazione, visto l’altissimo livello di entrambi. Nota di merito anche per due altri feud, Cena-HBK che ha caratterizzato tutta la primavera di Raw con ottimi incontri, e Hero-Kingston.

ANDREA CECCACCI: Batista vs. The Undertaker
ROB IN TOWN: Sting vs. Abyss
ALEXANDER MAGNO: Shawn Michaels vs. John Cena
MASSIMO BRUSTIA: Kurt Angle vs. Samoa Joe
EROS CARIA: Sting vs. Abyss
ALESSANDRO TAVECCHIO: Hero vs. Kingston
DIEGO FOGLIACCO: Batista vs. The Undertaker
MATTEO BOLLINO: Hero vs. Kingston
LEONARDO VITALE: Sting vs. Abyss
DAIN: Shawn Michaels vs. John Cena
GIBBO: Batista vs. The Undertaker

 
WRESTLER PIU' MIGLIORATO: MVP

Il Power Ranger non esiste più, è diventato un wrestler affermato capace di detenere più che degnamente un titolo importante per molti mesi, capace di tirare su ottimi feud, capace di esprimersi molto bene al microfono, confermando così le attese che il suo esordi aveva suscitato, e battendo così per questo premio i grandi miglioramenti compiuti da Black Machismo, da anonimo a eroe dell’Impact Zone, e Storm, che pur perdendo il feud con Harris è diventato indiscutibilmente l’America’s Most Wanted di successo.

ANDREA CECCACCI: John Morrison
ROB IN TOWN: "Black Machismo" Jay Lethal
ALEXANDER MAGNO: M.V.P.
MASSIMO BRUSTIA: James Storm
EROS CARIA: "Black Machismo" Jay Lethal
ALESSANDRO TAVECCHIO: Drake Younger
DIEGO FOGLIACCO: M.V.P.
MATTEO BOLLINO: Claudio Castagnoli
LEONARDO VITALE: James Storm
DAIN: Jeff Hardy
GIBBO: M.V.P.

 
ROOKIE DELL'ANNO: Santino

In un anno che non ha visto l'esordio significativo di molti rookie, la quasi totalità dei nostri staffer sceglie l'underdog per eccellenza, il nuovo orgoglio italico, il semplice tifoso arrivato a duellare al microfono in pochi mesi con Steve Austin, sperando che nel 2008 le sue capacità in ring crescano di pari passo con la bravura nel parlare. Anche se vincere il titolo Intercontinentale alla prima apparizione nel main roster non è certo cosa da tutti.

ANDREA CECCACCI: Santino Marella
ROB IN TOWN: Santino Marella
ALEXANDER MAGNO: Santino Marella
MASSIMO BRUSTIA: Santino Marella
EROS CARIA: Santino Marella
ALESSANDRO TAVECCHIO: Lince Dorado
DIEGO FOGLIACCO: Santino Marella
MATTEO BOLLINO: Lince Dorado
LEONARDO VITALE: Santino Marella
DAIN: Santino Marella
GIBBO: Santino Marella


LOTTATRICE DELL'ANNO: Gail Kim

Anche in TNA nasce una divisione femminile e la sua donna simbolo vince subito il premio di lottatrice dell'anno. Quest'anno le abbiamo visto fare di tutto: incontri nella gabbia, un ruolo da protagonista nello split degli America's Most Wanted, partecipare contro Kong al miglior incontro femminile dell'anno. E al microfono ha fatto progressi impensabili un anno fa. Meritano citazioni anche Beth Phoenix, dominatrice in WWE, Candice Michelle, progredita sul ring in modo impensabile e nuova babyface, e la sempre ottima Sara Del Rey.

ANDREA CECCACCI: Beth Phoenix
ROB IN TOWN: Gail Kim
ALEXANDER MAGNO: Gail Kim
MASSIMO BRUSTIA: Candice Michelle
EROS CARIA: Gail Kim
ALESSANDRO TAVECCHIO: Sara Del Rey
DIEGO FOGLIACCO: Beth Phoenix
MATTEO BOLLINO: Sara Del Rey
LEONARDO VITALE: Santino Marella
DAIN: Candice Michelle
GIBBO: Candice Michelle

 
TAG TEAM DELL'ANNO: Briscoes

Campioni per tutto l'anno solare e protagonisti indiscussi dei migliori incontri di coppia visti nel 2007, chiunque fossero gli avversari di turno, Jay e Mark Briscoe vincono l'ambito premio di tag team dell'anno, confermandosi così una delle migliori coppie degli ultimi anni, tanto da meritarsi, e non in modo occasionale, anche i main event degli show. Raccolgono voti importanti anche il Team 3D, straordinario da metà stagione in poi, il gran ritorno degli Hardy Boys, e altre occasionali coppie viste in WWE quest'anno.

ANDREA CECCACCI: Hardys
ROB IN TOWN: Briscoes
ALEXANDER MAGNO: Team 3D
MASSIMO BRUSTIA: Team 3D
EROS CARIA: Team 3D
ALESSANDRO TAVECCHIO: Briscoes
DIEGO FOGLIACCO: Deuce 'n Domino
MATTEO BOLLINO: Briscoes
LEONARDO VITALE: Briscoes
DAIN: Hardys
GIBBO: John Cena & Shawn Michaels

 
RITORNO DELL'ANNO: Chris Jericho

Una delle migliori idee viste a Stamford ultimamente, col “rebus del codice”, ha riportato in WWE uno dei wrestler più importanti degli ultimi anni, con l'impegnativo ruolo del “salvatore” di tutti noi. Non poteva che essere quindi di Chris Jericho il ritorno dell'anno secondo la stragrande maggioranza dei nostri staffer. Meritato voto anche per l'acclamatissimo ritorno di Austin Aries in ROH e per l'attesissimo ritorno dall'infortunio di Triple H.
 
ANDREA CECCACCI: Chris Jericho
ROB IN TOWN: Chris Jericho
ALEXANDER MAGNO: Chris Jericho
MASSIMO BRUSTIA: Chris Jericho
EROS CARIA: Chris Jericho
ALESSANDRO TAVECCHIO: Austin Aries in ROH
DIEGO FOGLIACCO: Triple H
MATTEO BOLLINO: Austin Aries in ROH
LEONARDO VITALE: Chris Jericho
DAIN: Chris Jericho
GIBBO: Chris Jericho

 
MANAGER DELL'ANNO: James Mitchell

Fa le stesse cose da più di dieci anni, gestisce “mostri”, ma quando finalmente lo si è inserito in una grande storyline e gli si è dato adeguato spazio al microfono, James Mitchell ha dimostrato tutte le sue doti da manager e “genio del male”, superando il 50% dei voti secondo il nostro staff. Raccolgono voti anche due gran belle ragazze usate dalle rispettive federazioni quali manager: l'esordiente Karen Angle e Michelle McCool, senza scordare il doppio voto per il leader della Sweet'n'Sour Inc. Larry Sweeney.

ANDREA CECCACCI: Michelle McCool
ROB IN TOWN: James Mitchell
ALEXANDER MAGNO: James Mitchell
MASSIMO BRUSTIA: Karen Angle
EROS CARIA: James Mitchell
ALESSANDRO TAVECCHIO: Sweeney
DIEGO FOGLIACCO: Michelle McCool
MATTEO BOLLINO: Sweeney
LEONARDO VITALE: James Mitchell
DAIN: James Mitchell
GIBBO: James Mitchell

 
SPOT DELL'ANNO: Legdrop di Jeff Hardy a WM

Una scala ad altezza elevata, un altro wrestler sdraiato su un'altra scala e un volo incosciente e spettacolare. Protagonisti Jeff Hardy e Edge sotto gli occhi di un attonito Matt Hardy. No, non si parla dei vecchi TLC, si parla del Money in the Bank di quest'anno e dell'incredibile leap frog di quest'anno, spot dell'anno 2007. A contendergli invano il premio, l'ennesimo bump di Styles in occasione di un Lethal Lockdown, e due spot votati non tanto per l'oggettiva bellezza quanto per l'enorme significato avuto per conseguire un importante risultato.

ANDREA CECCACCI: Leg Drop di Jeff Hardy a WrestleMania 23
ROB IN TOWN: Roll Up di Jay Lethal su Kurt Angle
ALEXANDER MAGNO: Frankesteiner a Lockdown
MASSIMO BRUSTIA: Il volo di AJ Styles nel Lethal Lockdown
EROS CARIA: Leg Drop di Jeff Hardy a WrestleMania 23
ALESSANDRO TAVECCHIO: Chikara Special di Quackenbush su Chris Hero
DIEGO FOGLIACCO: Leg Drop di Jeff Hardy a WrestleMania 23
MATTEO BOLLINO: Doomsday Device dei Briscoes su El Generico (Man Up)
LEONARDO VITALE: Il volo di AJ Styles nel Lethal Lockdown
DAIN: Leg Drop di Jeff Hardy a WrestleMania 23
GIBBO: Leg Drop di Jeff Hardy a WrestleMania 23

 
SHOW DELL'ANNO: TNA Bound for Glory

Atlanta, 14 Ottobre 2007, la TNA propone il suo PPV più importante dell'anno e da' assoluto spettacolo, tutti match con votazioni altissime davanti ad un pubblico caloroso e coinvolto, meritandosi così la palma di PPV dell'anno (e, secondo molti, degli ultimi anni). Meritatissime citazioni anche per Wrestlemania 23, non a caso già citata in altre categorie in questi awards, e Driven, che ha dimostrato quanto ottima sia stata l'idea della ROH di produrre PPV.

ANDREA CECCACCI: WrestleMania 23
ROB IN TOWN: Bound For Glory
ALEXANDER MAGNO: Bound For Glory
MASSIMO BRUSTIA: Bound For Glory
EROS CARIA: Bound For Glory
ALESSANDRO TAVECCHIO: Driven (ROH)
DIEGO FOGLIACCO: WrestleMania 23
MATTEO BOLLINO: Driven (ROH)
LEONARDO VITALE: Bound For Glory
DAIN: WrestleMania 23
GIBBO: WrestleMania 23

 
EVENTO DA RICORDARE IN POSITIVO: Impact ottiene le due ore

Ogni mese pareva essere sul punto di chiudere, e invece ora la TNA ha ottenuto un contratto televisivo su un'importante emittente e ha raddoppiato il proprio timeslot, portandolo a due ore, permettendo così al proprio booking team di sviluppare ancora meglio i feud e vincendo così tale premio. Dovuta citazione anche per l'espansione della ROH, arrivata a produrre i suoi primi (tra parentesi ottimi) PPV, e prendono voti anche l'atmosfera del sopra votato MOTY e, come giustamente nota orgoglioso il nostro amministratore, per la nascita della nostra raddoppiata avventura comune sito e forum.

ANDREA CECCACCI: I 15 minuti finali della Royal Rumble
ROB IN TOWN: Impact ottiene le due ore
ALEXANDER MAGNO: Impact ottiene le due ore
MASSIMO BRUSTIA: Il miglioramento del Wellness Program
EROS CARIA: Impact ottiene le due ore
ALESSANDRO TAVECCHIO: ROH in pay per view
DIEGO FOGLIACCO: L'hype di Batista vs. Undertaker
MATTEO BOLLINO: ROH in pay per view
LEONARDO VITALE: ROH in pay per view/Impact ottiene le due ore
DAIN: W4EWF
GIBBO: Impact ottiene le due ore

 
EVENTO DA RICORDARE IN NEGATIVO: La tragedia Benoit

Non sta a noi dare giudizi morali, non sta a noi un compito che spetta a Qualcuno più in alto di noi. Ma sta a noi piangere una donna e un bambino e, per alcuni, anche piangere un wrestler. Un tragico evento luttuoso che ha scosso l'opinione pubblica americana ma anche italiana, che ha portato anche a cancellare il wrestling dalle TV in chiaro italiane e che ha fatto sì che venisse cancellata la storyline di punta WWE e ha portato il Congresso Americano ad occuparsi dei problemi del wrestling. Non poteva che essere questo il momento negativo dell'anno per i nostri staffer, che votano anche il grosso calo qualitativo degli show WWE e la chiusura di una storica e gloriosa federazione.

ANDREA CECCACCI: La tragedia della famiglia Benoit
ROB IN TOWN: La tragedia della famiglia Benoit
ALEXANDER MAGNO: La tragedia della famiglia Benoit
MASSIMO BRUSTIA: La tragedia della famiglia Benoit
EROS CARIA: La tragedia della famiglia Benoit
ALESSANDRO TAVECCHIO: La chiusura della IWA-MS
DIEGO FOGLIACCO: La tragedia della famiglia Benoit
MATTEO BOLLINO: La tragedia della famiglia Benoit
LEONARDO VITALE: La tragedia della famiglia Benoit
DAIN: Il calo della qualità degli Shows WWE
GIBBO: La tragedia della famiglia Benoit


Altri 12 mesi sono andati in cantiere, la vita va avanti e cose belle e brutte sono accadute nel mondo del wrestling come tutti noi sappiamo. Come lo scorso anno mi sento di ringraziare con tutto il cuore Dain e Gibbo che ci hanno permesso di fondere i forum per cominciare un progetto migliore, con più potenziale che nei prossimi mesi sarà sfruttato per creare una comunità solida, che possa distinguersi dalle altre e creare una "famiglia-virtuale". Per il 2008 abbiamo diverse idee da attuare per migliorarci ulteriormente, noi non ci fermiamo mai grazie a tutti voi utente che ogni giorno venite a visitarci dandoci la voglia e la forza per rinnovarci, migliorarci. E possiamo guardare alla nostre spalle con soddisfazione per quello che abbiamo fatto. Ma ora è tempo di guardare avanti...

W4E Staff


 

Prossimi PPV & Eventi Speciali

Indy & Altre FederazioniPROGRESS Chapter 80
Domenica 25 Novembre 2018
Indy & Altre FederazioniRPW Cockpit
Domenica 02 Dicembre 2018
Indy & Altre FederazioniPROGRESS Chapter 81
Domenica 09 Dicembre 2018
WWE Pay Per ViewWWE TLC: Tables, Ladders and Chairs
Domenica 16 Dicembre 2018
Indy & Altre FederazioniPROGRESS Chapter 82
Domenica 30 Dicembre 2018

LE TELECRONACHE DI WR

Wrestling Italiano

WrestlingRevolution.it al commento degli show italiani, Rising Sun Wrestling Promotion e non solo!

Il team di WrestlingRevolution al commento dei più elettrizzanti show di wrestling italiano: segui con noi la Rising Sun Wrestling Promotion!

Elenco completo delle nostre telecronache >>

WR SOCIAL: SEGUICI!

WrestlingRevolution.it Facebook WrestlingRevolution.it Twitter

Top